giovedì, agosto 03, 2006

Ok all'indulto, ma si ponga l'attenzione anche al terrorismo

Nessuno può e deve negare che l'indulto approvato sul finire della scorsa settimana sia utile e giusto. L'insopportabile condizione delle carceri italiane – venti mila persone in più rispetto alla capienza totale – non poteva non portare a questo gesto di clemenza. E tuttavia ora si pone il problema di chi, rimesso in libertà, possa facilmente cadere di nuovo nelle grinfie di reati più o meno gravi. L'attenzione di tutti è particolarmente puntata su quei detenuti, all'incirca una trentina, che seppur incarcerati per reati minori sono sospettati di aver intrattenuto nel passato rapporti più o meno saldi con l'ambiente dell'integralismo islamico. È sacrosanto dunque che il capo della Polizia Gianni De Gennaro abbia fin da lunedì scorso diramato una circolare a prefetti e questori di tutta Italia, chiedendo di non prendere sottogamba la questione. Come sacrosanto che alcuni agenti della Digos e alcuni carabinieri del Ros abbiano iniziato i controlli e i pedinamenti, seppur con la dovuta cautela e distanza per non interferire troppo nella vita di chi per lo Stato Italiano ha scontato la pena per la quale era stato incarcerato. Diversa ancora la condizione di alcuni tra questi, che vedrebbero sulla loro testa un decreto d'espulsione firmato dall'ex Ministro degli Interni Beppe Pisanu, decreto però ancora non esecutivo. La strada da prendere non concede molte alternative: se il decreto d'espulsione era stato firmato, vuol dire che c'erano tutte le condizioni per farlo. Quindi per evitare guai al nostro paese, sarebbe il caso che il decreto diventasse esecutivo. E che i controlli per queste persone vengano svolti, onde evitare un possibile rafforzamento delle cellule del terrore, le quali grazie all'impeccabile lavoro dei nostri servizi di intelligence – vigliaccamente messi sotto accusa in questi giorni – sono state finora incapaci di compiere nel nostro Paese le stragi che tutti possiamo immaginare.


2 Commenti:

Anonymous Anonimo ha detto...

Gentile autore,

ti comunichiamo che il tuo post, visibile all'indirizzo http://liberoblog.libero.it/cronaca/bl4442.phtml, ritenuto particolarmente valido dalla nostra redazione, è stato segnalato all'interno di LiberoBlog, il nuovo aggregatore blog di Libero.it.

Pensiamo che questo ti possa dare maggiore visibilità sul web e presumibilmente maggiore traffico sul tuo blog, in quanto Libero.it è visitato quotidianamente da milioni di persone.

Nel caso tu fossi contrario a questa iniziativa, il cui fine è quello di segnalare ai nostri lettori i contenuti più validi rintracciati nella blogosfera, ti preghiamo di segnalarcelo via e-mail chiedendo la rimozione del tuo post dal servizio. Procederemo immediatamente.

Per saperne di più di LiberoBlog e sulla sua policy:

http://liberoblog.libero.it/disclaimer.php

Per suggerimenti e critiche, non esitare a contattarci a questo indirizzo
e-mail: blog.n2k@libero.it

Ringraziandoti per l'attenzione, ti porgiamo i nostri più cordiali saluti

LiberoBlog Staff

12:39 PM  
Anonymous Liberoblog.libero.it ha detto...

Gentile autore,

ti comunichiamo che il tuo post, visibile all'indirizzo http://liberoblog.libero.it/cronaca/bl4442.phtml, ritenuto particolarmente valido dalla nostra redazione, è stato segnalato all'interno di LiberoBlog, il nuovo aggregatore blog di Libero.it.

Pensiamo che questo ti possa dare maggiore visibilità sul web e presumibilmente maggiore traffico sul tuo blog, in quanto Libero.it è visitato quotidianamente da milioni di persone.

Nel caso tu fossi contrario a questa iniziativa, il cui fine è quello di segnalare ai nostri lettori i contenuti più validi rintracciati nella blogosfera, ti preghiamo di segnalarcelo via e-mail chiedendo la rimozione del tuo post dal servizio. Procederemo immediatamente.

Per saperne di più di LiberoBlog e sulla sua policy:

http://liberoblog.libero.it/disclaimer.php

Per suggerimenti e critiche, non esitare a contattarci a questo indirizzo
e-mail: blog.n2k@libero.it

Ringraziandoti per l'attenzione, ti porgiamo i nostri più cordiali saluti

12:41 PM  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page